20101230

L'ultimo exco dell'anno

http://todayspictures.slate.com/20110104/

Sburk osserva amorevolmente exco mentre riempie la tracolla arancione degli oggetti che gli serviranno nel pomeriggio. Libri soprattutto (magari sono quelli dell'ikea che dentro hanno le pagine bianche), tra cui un Kerouac lungo a questo punto a finire. Sburk lo osserva e pensa a tutte le nuove punizioni che negli anni si è dovuta inventare, alle ore passate al tavolo a fare matematica, a rifare matematica perché mai nella vita avrebbe voluto avere a che fare di nuovo con la matematica, tanto meno con le professoresse di matematica che dicono è tutto inutile mandare exco a ripetizione; ripensa a quel desiderio di exco per un paio di jeans neri armani per andare in discoteca e come sburk abbia cercato di mantenere la calma spiegandogli che stava pagando una firma ma non ce l'aveva fatta e aveva fatto il consueto giro a piedi dell'isolato fumando due o tre sigarette di fila; ripensa alla seconda bocciatura soprattutto, ai libretti delle giustificazioni strategicamente smarriti, all'auto da andare a riprendere una fredda mattina di gennaio al carrattrezzi.
Sburk: Ma quella nella tracolla è la scatola del tè?
Exco: Sì.
Sburk: E che ci fai?
Exco: Mi ci faccio un tè più tardi. Siamo a casa del nosa che è vuota.
Sburk: Ah.
Exco: Ma te lo riporto.
Sburk: OK.
L'exco beve tè verde e mangia il sushi.

1 comment:

m. said...

..(sorrido)