20091007

Bah

Sarà un problema altrettanto grande e grave, ma fatto sta che continuano molti a votarli e continuano loro a governarci.

Dopo lunghi anni nei quali la crisi della sinistra, con la sua logorrea, il suo diluvio insopportabile di auto-analisi, le sue liti piccine, il suo tracollo culturale, ha tenuto banco, forse è ora di accorgersi che un problema almeno altrettanto grande, e grave, è la non-crisi della destra. La sua compattezza tetragona e certamente masochista, i suoi clubbini e circoletti ridicolmente nominati “Per fortuna che Silvio c’è” e “Silvio ci manchi” (i sorcini ai concerti vanno benissimo, ma il sorcinismo in politica è francamente penoso), il suo abbandono confidente e puerile alle parole e alle gesta del Capo, semplicemente non sono sane. Non lo sono oggettivamente, non lo sono perché strozzano il dibattito, la crescita delle persone, l’abitudine alla dialettica. Una destra che non discute con l’opposizione può anche giustificarsi con il clima di contrapposti livori, e di reciproche delegittimazioni. Ma una destra che non discute di se stessa, e con se stessa, che si manifesta solo con il coro stizzoso e poveraccio dei portavoce, con i titoloni apodittici e astiosi, con le falsità strumentali degli avvocati, con l’odio cieco per “i signori della sinistra”, con la certezza che il Capo abbia sempre ragione e solo una malefica congiura plutocratico-borghese possa disarcionarlo, è una destra perfino più malconcia della sinistra. Se l’antiberlusconismo ossessivo fa male alla sinistra, il berlusconismo ha già ammazzato la destra: e non è che se ne parli tanto. I consigli esterni sono sempre sgraditi, e anche sgradevoli da fare: ma se per esempio la piantassero di chiamarlo “Silvio”, e cominciassero a chiamarlo Berlusconi, parrebbe di cogliere un piccolo segnale di rinsavimento.

Michele Serra su La Repubblica di ieri, letto su Wittgenstein.

1 comment:

Michele said...

Mi pare che questo articolo sia una prova lampante del fatto che siccome la sinistra non ha niente da dire, spara cazzate. Strano che MS non abbia usato anche la frase-chiave che di solito viene usata in questi casi: "la destra è allo sfascio".
Già vince quando è allo sfascio e sta proprio male (secondo MS) figuriamoci se fosse sanissima...